PROSECCO SPUMANTE EXTRA DRY FENICE

Tappo sughero fungo

PROSECCO SPUMANTE EXTRA DRY FENICE Tappo sughero fungo
Giol Italia
vino biologico vegano
  • Vini di qualità dal 1427
  • Solo vini biologici dal 1987
  • Solo vini vegetariani e vegani dal 2007
  • Vini senza solfiti aggiunti dal 2009
  • Vitigni resistenti dal 2015
  •  
  • L'esperienza conta

DONWLOAD SCHEDA TECNICA

Caratteristiche

Spumante dal perlage fine e persistente dal colore giallo paglierino scarico con riflessi verdognoli, dal profumo fruttato, di buona intensità, con note di frutta a polpa bianca, mela e pesca, e con note floreali di glicine e fiori d’acacia; il bouquet si completa con sentori di scorza di pane e lievito. Il gusto è caratterizzato da un sapore gradevolmente acidulo, buona struttura, gradevole e armonico, delicatamente secco. Ottimo come aperitivo e per i brindisi, accompagna bene pasticceria secca. Si accosta piacevolmente a primi piatti e risotti, antipasti di verdure e a base di pesce leggero, minestre asciutte o in brodo. Servire a 8-10 gradi.

Riconoscimenti

Commended United Kingdom

Commended

United Kingdom

maggio 2017

"Decanter World Wine Awards"
International Competition

Silver Medal & Bronze Medal United Kingdom

Silver Medal & Bronze Medal

United Kingdom

marzo 2017

"The Organic Master"
THE DRINKS BUSINESS
International Competition

Silver Medal Montpellier (F)

Silver Medal

Montpellier (F)

gennaio 2017

"Millésime Bio 2017"

Silver Medal Montpellier (F)

Silver Medal

Montpellier (F)

gennaio 2015

"Millésime Bio 2015"

Dettagli tecnici

Varietà Glera (Prosecco)
Denominazione Denominazione di Origine Controllata Treviso
Anno d'impianto 2004/2007
Terreno argilloso a scheletro prevalente/sabbioso e limoso
Sesto d'Impianto 1,00 x 2,80
Potatura sylvoz
Resa/Ettero 16 t
Alcool 11,00 % vol.
Zuccheri residui 18 g/l
Acidità 5,00 g/l
Ph 3,35
Pressione 4,5 bar

Vinificazione

Raccolta manuale delle uve all’ottimale grado di maturazione tecnologica, pigiadiraspatura, pressatura, decantazione statica dei mosti a freddo e inoculo con lieviti selezionati. Fermentazione controllata a freddo, 14° C. A fine fermentazione si procede al travaso, leggera chiarifica per la stabilizzazione proteica e successiva filtrazione. L’imbottigliamento avviene a seguito di una rifermentazione indotta in recipienti di acciaio chiusi (autoclavi): il vino per un mese aumenta la sovrapressione interna di circa 5 atmosfere fino a terminare la fermentazione: a questo punto si procede con la chiarifica e la filtrazione finale.