Giol Italia

Vini vegani e biologici

Vegan Vegan2

PINOT GRIGIO SPUMANTE EXTRA DRY

Tappo sughero fungo

Giol Italia - Vini Bianchi Spumanti - PINOT GRIGIO SPUMANTE EXTRA DRY
certification

Vini di qualità dal 1427
Solo vini biologici dal 1987
Solo vini vegetariani e vegani dal 2007
Vini senza solfiti aggiunti dal 2009
Vitigni resistenti dal 2015

L’esperienza conta

Download scheda tecnica

PINOT GRIGIO SPUMANTE EXTRA DRY

Caratteristiche

Spumante dal perlage fine e persistente, dal colore giallo paglierino scarico, con riflessi verdognoli, dal profumo fruttato, di buona intensità, con note di frutta a polpa bianca, mela e pesca, e con note floreali di glicine e fiori d’acacia; il bouquet si completa con sentori di scorza di pane e lievito. Il gusto è caratterizzato da un sapore gradevolmente acidulo, buona struttura, gradevole e armonico, delicatamente secco. Ottimo come aperitivo e per i brindisi, accompagna bene pasticceria secca. Si accosta piacevolmente a primi piatti e risotti, antipasti di verdure e a base di pesce leggero, minestre asciutte o in brodo. Servire a 8-10 gradi.

Riconoscimenti

Commended

United Kingdom
Maggio 2017
"Decanter World Wine Awards"
International Competition

Dettagli tecnici

Varietà

Pinot Grigio

Denominazione

indicazione geografica tipica IGT

Anno d'impianto

1999 e 2007

Terreno

sabbioso e limoso, argilloso e limoso

Sesto d'Impianto

1,00 x 2,80

Potatura

cordone libero, guyot

Resa/Ettero

10 t

Alcool

11,00 % vol

Zuccheri residui

18 g/l

Acidità

5,70 g/l

PH

3,3

Pressione

5 bar

Vinificazione

Raccolta manuale delle uve all’ottimale grado di maturazione tecnologica, pigiadiraspatura, pressatura, decantazione statica dei mosti a freddo e inoculo con lieviti selezionati. Fermentazione controllata a freddo, 14° C. A fine fermentazione si procede al travaso, leggera chiarifica per la stabilizzazione proteica e successiva filtrazione. L’imbottigliamento avviene a seguito di una rifermentazione indotta in recipienti di acciaio chiusi (autoclavi): il vino per un mese aumenta la sovrapressione interna di circa 5 atmosfere fino a terminare la fermentazione: a questo punto si procede con la chiarifica e la filtrazione finale.